Minitrincee

by Cise Costruzioni


Cantieri a ridotto impatto ambientale



Scavi ed infrastrutture (canalizzazioni) per la posa dei cavi telefonici vengono solitamente realizzati in ambito urbano sulla sede stradale (sui bordi laterali, sulla banchina, o, in alcuni casi, direttamente sul marciapiede).

Le operazioni si svolgono realizzando lo scavo a cielo aperto, posando la canalizzazione, ricoprendo lo scavo stesso con terra e successivamente ripristinando l’asfalto o l’originale copertura tolta durante lo scavo.

La presenza di un cantiere o comunque di un ingombro della sede stradale, del marciapiede o della banchina provoca un notevole disagio, sia per i pedoni sia per i veicoli in transito, direttamente proporzionale all’estensione del cantiere ed alla durata di tali lavori di scavo.

Pertanto, minimizzare le dimensioni del cantiere e velocizzarne al massimo l’esecuzione è un obiettivo importante. L’obbligo della profondità minima è stata superata dall’art.5 comma 3 della Direttiva 3 del Marzo 1999. L’ottimizzazione dei cantieri può essere perseguita applicando diverse tecniche, alcune delle quali sono consolidate, altre in via di sviluppo.

Tra le diverse metodologie delle tecniche a basso impatto ambientale si è osservato l’uso della Minitrincea e dell’evoluzione della microtrincea in più cantieri per la posa di reti di TLC a Roma (Telecom) e  in Trentino Alto Adige(Trentino Network).

Nella nomenclatura internazionale la ISTT (International Society for Trenchless Technology) ha classificato le tecniche a basso impatto ambientale come quelle tecniche che permettono di effettuare la posa, l’esercizio e la manutenzione delle reti dei sottoservizi, riducendo al minimo, o eliminando del tutto, lo scavo a cielo aperto.

In tale contesto, dal 2006, la ISTT ha inserito tra queste tecnologie, anche i sistemi di posa della “minitrincea”, i quali, pur prevedendo la realizzazione di uno scavo a cielo aperto, per via delle sue ridotte dimensioni, minimizzano l’impatto ambientale.


 Minitrincea

Lo scavo a cielo aperto, di norma, comporta tutta una serie di disagi per la cittadinanza, ha ripercussioni negative sull’ambiente e pone condizioni di possibile pericolo/danneggiamento per persone e/o cose.

Le tecniche a basso impatto ambientale (Minitrincea) hanno la caratteristica di ridurre significativamente tutti questi aspetti in quanto comportano:

  • minore movimentazione di materiale (sfruttamento di cave, conferimento in discarica);
  • minore traffico di mezzi pesanti;
  • minore tempo e spazio di occupazione del suolo pubblico;
  • minore rottura del manto stradale, quindi limitato deterioramento dello
  • stesso;
  • minore impatto sulla viabilità veicolare e pedonale e sulle attività
    commerciali;
  • maggiore sicurezza per il cittadino, grazie all’eliminazione dei pericoli legati
    agli scavi a cielo aperto;
  • maggiore sicurezza per la manodopera impiegata.

Studi condotti da Telecom Italia e Telecom Italia Lab1 (tramite l’applicazione di un modello di impatto ambientale – EPS , Environmental Priority Strategies, elaborato dalla Federazione delle Industrie Svedesi) hanno mostrato che, con l’impiego di queste tecniche, i costi socio-ambientali vengono abbattuti di circa l’80%, mentre gli incidenti sui cantieri di circa il 67%.


Cerca
Contattaci
Cise Costruzioni
Via Cazzulli 98
Ottaviano,Na,80044
Telefono: 081-5291633
E: cisecostruzioni@gmail.com